POICHé IL CONGIUNTIVO PRESENTA PARECCHIE DIFFICOLTà, QUI VI METTO UN
RIASSUNTO CHE VI PUò AIUTARE A MEMORIZZARE DOPO AVER STUDIATO




IL MODO CONGIUNTIVO
Congiuntivo, cioè che si congiunge!
IL MODO CONGIUNTIVO E’ IL MODO DELLA POSSIBILITA’

Il congiuntivo si può usare nelle frasi indipendenti (quelle che stanno in piedi da sole, con un solo verbo nel periodo) o in quelle dipendenti (più verbi nel periodo) più spesso: il congiuntivo, cioè, dipende da un altro verbo.


Quando nelle frasi indipendenti?

Nelle espressioni di cortesia (Si segga, signora! Mi consigli, per favore)
Nelle esclamazioni che esprimono stupore, augurio... (Sentissi che musica! Vedessi che casa!)
Nelle domande che esprimono dubbio (Che l'abbia dimenticato? Che cambi idea?)
Nelle espressioni di concessione o consenso (Sia pure come dici tu.)

Quando nelle frasi dipendenti?

Dopo le congiunzioni o locuzioni congiuntive (sebbene, a meno che, affinché, qualora...) Sebbene tu sia intelligente, ti comporti da sciocco.
Dopo le espressioni impersonali come: è utile, è necessario, è giusto, bisogna, conviene... E’ utile che tu ti metta a studiare.
Dopo i verbi come: augurare, sperare, volere, desiderare, proibire...Speriamo che arrivi il sole.
Dopo gli aggettivi e pronomi indefiniti (nelle frasi subordinate)come:Chiunque, qualunque... Chiunque lei sia non le è permesso entrare.

I TEMPI DEL CONGIUNTIVO

Tempo presente: indica una possibilità che dipende da un verbo al presente o al futuro;
Tempo imperfetto: indica una possibilità che dipende da un verbo al passato o condizionale;
Tempo passato: indica una possibilità, forse già realizzata, che dipende da un verbo al presente o al futuro;
Tempo trapassato: indica una possibilità, che non si è realizzata, la quale dipende da un verbo al passato.